CENTRO DI PSICOTERAPIA COGNITIVA INTEGRATA

Dipendenze da sostanze

Il DSM-IV-TR descrive le seguenti 11 classi di sostanze d’abuso:

  • Alcool
  • Amfetamine (e sostanze con struttura simile)
  • Caffeina
  • Cannabis
  • Cocaina
  • Allucinogeni
  • Inalanti
  • Nicotina
  • Oppiacei
  • Fenciclidina (PCP) e sostanze simili
  • Sedativi, ipnotici o ansiolitici

Riportiamo di seguito, i criteri diagnostici generali del DSM IV-TR per i Disturbi da Uso di Sostanze.

Criteri diagnostici per l’Abuso di Sostanze

Modalità patologica d’uso di una sostanza, che porta a menomazione o a disagio clinicamente significativi, come manifestato da una o più delle condizioni seguenti, ricorrenti entro un periodo di 12 mesi:

  • uso ricorrente della sostanza risultante in una incapacità di adempiere ai principali compiti connessi con il ruolo lavorativo, scolastico o domestico;
  • ricorrente uso della sostanza in situazioni fisicamente rischiose (ad esempio alla guida di un’automobile);
    ricorrenti problemi legali correlati alle sostanze;
  • uso continuativo della sostanza nonostante persistenti o ricorrenti problemi sociali o interpersonali causati o esacerbati dagli effetti della sostanza;
  • I sintomi non hanno mai soddisfatto i criteri per Dipendenza da Sostanze della medesima classe.

​Criteri diagnostici per la Dipendenza da Sostanze

Modalità patologica d’uso della sostanza che conduce a menomazione o a disagio clinicamente significativi, come manifestato da tre o più delle condizioni seguenti, che ricorrono in un qualunque momento dello stesso periodo di 12 mesi:

  1. Tolleranza, così definita:
    • il bisogno di dosi notevolmente più elevate della sostanza per raggiungere l’intossicazione o l’effetto desiderato;
    • un effetto notevolmente diminuito con l’uso continuativo della stessa quantità della sostanza;
  2. astinenza, come manifestata da ciascuno dei seguenti:
    • comparsa della caratteristica sindrome astinenziale sostanza-specifica;
    • la stessa sostanza (o una strettamente correlata) è assunta per attenuare o evitare i sintomi di astinenza;
  3. la sostanza è spesso assunta in quantità maggiori o per periodi più prolungati rispetto a quanto previsto dal soggetto;
  4. desiderio persistente o tentativi infruttuosi di ridurre o controllare l’uso della sostanza;
  5. una grande quantità di tempo viene spesa in attività necessarie a procurarsi la sostanza, ad assumerla, o a riprendersi dai suoi effetti;
  6. interruzione o riduzione di importanti attività sociali, lavorative o ricreative a causa dell’uso della sostanza;
  7. uso continuativo della sostanza nonostante la consapevolezza di avere un problema persistente o ricorrente, di natura fisica o psicologica, verosimilmente causato o esacerbato dalla sostanza.

DIPENDENZE COMPORTAMENTALI

L’oggetto della dipendenza è un comportamento o un’attività lecita e socialmente accettata:

  • Gioco d’Azzardo Patologico (Gambling)
  • Dipendenza dallo shopping (Shopping compulsivo)
  • Dipendenza da Internet (Internet Addiction Disorder)
  • Dipendenza da lavoro (Work addiction)
  • Dipendenza dal sesso (Sex addiction)
  • Dipendenza dai telefonini
  • Dipendenza relazionale e affettiva

American Psychiatric Association (2000). DSM-IV-TR Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders , Fourth Edition, Text Revision. Edizione Italiana: Masson, Milano.

PRESENTI SU:

Ordine Psicologi Marche
INPSICO
PSICOTERAPIA COGNITIVA INTEGRATA

Acquaviva - Castelfidardo (AN)
Via Che Guevara, 79/b
+(39) 349.1435998   modulo di contatto
P.IVA 02485130427 - C.F. STRFNC83T56A271E

Condividi sui Social :)

Seguici via email
Facebook
LinkedIn
Twitter

Questo sito utilizza cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti.
NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie e l’informativa privacy